Home > Commissione Didattica – Co.Di.

La Commissione Didattica è attualmente composta da:

  • Floriana VILLAMAINA (referente del CD)
  • Chiara GHIZZI
  • Lara TANI

ed è ancora in fase di definizione la composizione definitiva

Dallo Statuto IRC Comunità

Art. 19 – Commissioni
Il Consiglio Direttivo può istituire Commissioni a scopo di studio, di organizzazione o di approfondimento di determinate tematiche. Con la deliberazione istitutiva della Commissione il Consiglio Direttivo definisce i compiti e l’ambito di azione della Commissione e ne determina i componenti.
Nello svolgimento della loro attività le Commissioni sono libere di autoorganizzarsi secondo l’accordo dei loro componenti, fermo restando l’obbligo di riferire al Consiglio Direttivo e di non procedere a spese non autorizzate.
Le Commissioni hanno rilevanza solo interna e non rappresentano in alcun modo l’Associazione nei confronti dei terzi. I documenti elaborati dalle Commissioni non possono essere pubblicati senza la preventiva auto rizzazione del Consiglio Direttivo.

Dal Regolamento della Rete Formativa

7 – Commissione Didattica

Qualora ritenuta necessaria dal C.D. è istituita, ai sensi dell’art. 19 dello Statuto di IRC- Comunità, ed è formata da un massimo di 5 (cinque)componenti. Qualora il C.D. lo ritenesse utile e\o necessario, la Co. Di. IRC Comunità potrà, a seguito di accordi tra i Consigli Direttivi IRC ed IRC Com, in parte, andare ad integrare tale Commissione di IRC.

La Co.Di. ha il seguente mandato:
7.1 Stabilire i percorsi formativi e i programmi di addestramento dei corsi di cui all’allegato 6 del presente regolamento (obiettivi didattici, criteri valutativi, re-training) e dei corsi Istruttori (obiettivi didattici, modalità di accesso, criteri valutativi, re-training e mantenimento della qualifica, controllo di qualità) ed il relativo materiale didattico;
7.2 Elaborare gli standard minimi di qualità cui la rete formativa deve attenersi;
7.3 Svolgere funzioni di consulenza per il Consiglio Direttivo in materia di organizzazione e verifica della qualità della rete formativa;
7.4 Esercitare direttamente e su mandato del C.D. la verifica di qualità della rete formativa ed il rispetto degli standard minimi attraverso tutti gli strumenti ritenuti idonei (intervista degli esecutori formati, relazioni periodiche provenienti dalla rete formativa, attività di supervisione esercitata dai referenti regionali, ecc.);
7.5 Verificare e riconoscere le Reti Formative dei Soci Istituzionali;
7.6 Organizzare seminari periodici di aggiornamento per gli iscritti;
7.7 Stimolare ed organizzare le eventuali sperimentazioni metodologiche e didattiche, in accordo con le linee guida internazionali;
7.8 Segnalare al Consiglio Direttivo le situazioni di non conformità evidenziate nel corso dell’attività di verifica della qualità.